L’ipotesi del CCNI sulle mobilità del personale scolastico per l’anno scolastico 2016/2017 viola i diritti di coloro che sono stati assunti entro il 2014/2015.

Infatti la L. 107/2015 (c.d. buona scuola) ha previsto un piano straordinario di mobilità territoriale e professionale rivolto ai docenti assunti a tempo indeterminato entro l’anno scolastico 2014/2015 su tutti i posti vacanti e disponibili dall’organico dell’autonomia.

L’organico dell’autonomia comprende l’organico di diritto e l’organico del potenziamento.

Nel CCNI il MIUR ha convenuto con qualche sindacato di limitare i posti disponibili a quelli residuati a seguito dell’assegnazione definitiva dei posti ricoperti dal personale assunto nell’anno scolastico 2015/2016provenienti da graduatorie di merito escludendo così circa il 50% dei posti disponibili.

La violazione della L. 107/2015 costituisce una illegittima riduzione delle aspettative di riavvicinamento dei docenti che da troppi anni hanno dovuto attendere e vedere passare prima di loro soggetti che legittimamente o illegittimamente li hanno preceduti nelle assegnazioni.

La violazione è peraltro sanzionata dal comma 196 dell’art. 1 L. 107/2015 che prevede l’inefficacia della norma del CCNI.

Si prospetta, pertanto, un nuovo contenzioso per ottenere la mobilità nei termini indicati dalla Legge e colpevolmente trascurati dalle parti sociali.

Per informazioni non esitate a contattarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *